I dolori metereopatici!?

La scienza presume la possibilità di poter ricreare in laboratorio un qualsiasi fenomeno e far in modo eventualmente di controllarlo ed eventualmente modificarlo. Spesso questa mentalità che per molti aspetti pone l’essere umano al vertice della catena alimentare in assoluto, tuttavia un laboratorio non potrà mai ricostruire un intero corpo con tutte le terminazioni nervose, gli strati con i differenti tessuti , i corpuscoli sensoriali, le impercettibili correnti elettriche che attraversano le sue cellule. Per anni la medicina ufficiale ha sempre smentito una corrispondenza fra meteorologia e l’acuirsi di dolori non meglio identificati su aree del corpo che avessero subito danni, che fossero imputati a traumi o cronicità post-operatorie, eppure tutti quelli che hanno subito una tale esperienza sono abbastanza concordi nel riscontrare che al cambiamento del meteo corrisponde sempre qualche disagio, non si tratta di un problema da relegare al campo della psicologia. La medicina orientale in modo macroscopico è sempre stata in grado di dare una risposta cooerente con i suoi dettami ed ha probabilmente negli ultimi tempi fornito l’intuizione per far cercare alla scienza ufficiale delle risposte inconfutabili. L’energia vitale che scorre nel corpo degli esseri viventi lo fà attraverso le cellule, senza soluzione di continuità e con impulsi particolari per mezzo dell’apparato nervoso, quando questo flusso è alterato, l’energia stessa ha dei ristagni, anche il più bravo dei chirurghi a livello microscopico riesce a malapena a collegare le terminazioni nervose principali, ci vorrebbero un esercito di nanodroni in grado di rimettere le cellule esattamente dove si trovavano prima, anche se fosse possibile, alcuni danni come quelli da acido, fuoco e schiacciamento distruggono letteralmente i tessuti. La resilienza fà in modo che comunque il corpo si arrangi adattandosi a nuove dinamiche, purtroppo il dolore o se volete il disagio rimarrà quando cambia il tempo, poichè al suo variare, muta di molto il potenziale elettrico e il relativo campo magnetico in cui siamo immersi e che comunque si relaziona con le nostre correnti interne. Dove ci sono strati traumi è come essere parte di un circuito elettrico dove ad un certo punto un contatto non è più perfettamente funzionante, e anche se non è definitivo si manifesta con sensazioni particolari. Per molto tempo non essendoci di fatto alcuna medicina in grado di risolvere il problema a patto che non si trattasse di oppiacei, con lacontroindicazione che danno assuefazione e che comunque vanno prescritti con molta moderazione e dal medico. L’industria farmaceutica se ne è sempre abbastanza disinteressata; la risposta scientifica quando non ha i strumenti o la voglia di indagare parla solo di suggestioni. I dolori muscolo scheletrici- articolari possono portare nel tempo a comportamenti antalgici che vanno ad alterare strutture più importanti per questo si è destato interesse per tale tipo di dolori. Ci sono casi di lombosciatalgie che hanno avuto come causa scatenante un parto cesareo, per inciso la soluzione tecnica di eseguire il taglio orizzontale è a soli scopi estetici ma molto più invasiva di quello longitudinale, le fibre del retto dell’addome vengono tagliate e disallineate proprio nel verso della loro contrazione.