Abbigliamento

Ogni stile di Wu Shu o se preferite di arte marziale cinese ha per tradizione un range di abbigliamento specifico a seconda dello stile che a sua volta dipende dalla zona geografica di provenienza dello stesso, inotre è influenzato anche da precise condizioni fisiologiche e psicologiche. mentre negli stile del Nord si prediligono colori vivaci, con maniche lunghe e comunque sempre comodi per fare movimeti molto ampi, le stoffe in gara sono di Seta e per tutti i giorni in cotone; nel Sud i colori tendono più ai colori scuri come il nero, il rosso fuoco e giallo ma caldo o oro anche con inserti di pelle animale quasi sempre si adopera come base di abbigliamento il cotone; Per il Tai Qi Quan il Colore prediletto é il bianco e tutte le sfumature pastello, tradizionalmente é molto gettonata la soluzione bicolore Bianco per la casacca e nero per i pantaloni, bianco per simboleggiare il Cielo e nero per la Terra, vestono il corpo dell’essere umano per unire Cielo e Terra, in gara si usano come vezzo femminile inserti di chiffon, pizzi e seta oppure abiti di cotone finissimo pettinato, quasi trasparenti tipo filo di Scozia ma più leggero, che spiombando a terra conferendo esaltazione alla fluidità dei gesti, Il cotone pettinato energeticamente permette la circolazione del Qi superficiale. Per intenderci il principio é lo stesso  intuito il popolo Innuit,  il vestiario Innuit é composto da una pelle rovesciata e sotto niente o al limite una canottiera a rete con maglie molto larghe, come usano anche i membri della spedizioni scientifiche ai Poli, lasciare che l’aria riscaldata prodotta dalla traspirazione abbia lo spazio nell’intercapedine che si forma  tra pelle e abito é il segreto per conservare l’energia. I colori come i sapori e gli odori possiedono una valenza psicologica non indifferente per questo negli stili esterni i colori sono decisi e negli stili interni sono o bianco o pastello a indicare una ricerca diversa del concetto di forza attraverso il rilassamento. Il concetto del rilassamento per generare forza e contrazione non é utopia, anche la biologia e la fisiologia spiegano che per ottenere una buona contrazione in termini di velocità occorre prima rilassare completamente il muscolo interessato, provate a vedere come si muove un gatto e vi accorgete che non si nota contrazione nell’incedere, la bestiola sembra sempre in completo rilassamento ma se si allerta scatta come una molla, non é un caso che é stata proprio l’osservazione animale a stimolare la nascita degli stili zoomofici ai quali anche il Tai Qi non sfugge.

Per quanto riguarda le calzature é naturalmente possibile praticare scalzi ma normalmente si indossano scarpe piane, senza tacco in genere anche le famose Feyué le scarpette da ginnastica di tela e gomma in genere vendute nei colori bianco e nero.

Lascia una risposta